Attenti a quei due (neologismi per #scritturebrevi)

Partendo dal post sulla “stellina” in Twitter, andranno aggiunte alcune riflessioni sul lessico, per la graduale diffusione, nell’uso social, di nuove forme verbali collegate a tale figura.

Dal modello inglese to prefer deriva l’italiano “aggiungi ai preferiti”, una traduzione tramite parafrasi evidentemente condizionata dalla imperfetta corrispondenza semantica dell’equivalente “preferire”.

L’italiano “preferire un tweet” (“to prefer”) non ha lo stesso rendimento di “aggiungere un tweet ai preferiti”, dove la categoria dei Preferiti costituisce, come sappiamo, non solo idealmente, un contenitore, un cassetto dei tesori, o dei ricordi.

La relativa pesantezza della circonlocuzione può essere all’origine della rapida diffusione del neologismo “stellinare”.
Stridente per ora (lo è?), per il comune condizionamento percettivo esercitato dalle forme nuove, rafforzato in questo caso dalla diffidenza o ostilità per il trattamento della lingua nell’alveo social.
La mia esperienza è che basta usarlo poche volte per verificarne l’efficacia in termini formali e funzionali.
“Stellinare”, in tutte le forme coniugate, è comunque ampiamente attestato dentro e fuori da Twitter, sempre in ambienti social, sempre nei registri non formali.
“Questo me lo stellino”, “Stellinate!”, “Da stellinare!”, e così via.

Poche le occorrenze, ma comunque attestate, del “preferire” declinato. Ed ecco “Preferiscimi (un tweet)”, “Preferiscimelo”; ma il richiamo dell’italiano standard “preferire” attiva un confronto che accentua il carattere “scorretto” della forma e ne limita la diffusione e, presumibilmente, la fortuna, rispetto al più libero “stellinare”.

Nella prospettiva della creazione linguistica, se vi fosse un senso alla distinzione tra neologismi di necessità e di lusso, “stellinare” lo metterei senz’altro tra le forme necessarie.

Francesca Chiusaroli, Scritture Brevi
15 giugno 2013
supermercato_

Francesca Chiusaroli

About Francesca Chiusaroli

Sono nata a Recanati, dove vivo. Mi sono laureata a Macerata, dove oggi insegno linguistica. Tra allora e ora, altre sedi.

One thought on “Attenti a quei due (neologismi per #scritturebrevi)

  1. Gilberto Taccari
    16 Giugno 2013 at 09:33

    Mi fa rabbrividire l’uso di “stellinare”! Ma so anche quanto questi neologismi possono prender piedi. Da studente mi sono trovato più volte docenti che usavano: “parsare”, “to parse”; “meccia”, “matchs” fino ad arrivare a “mergiare”, “to merge”, che sembra quasi una parolaccia. Nessuna pietà! Per quanto riguarda “stellinare” ho una diffidenza dello stesso tipo, sarà che non mi preoccupa mescolare le lingue (che conosco) piuttosto che adattare all’italiano termini stranieri.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.