MI PIACE (Che carattere!)

image
Più che un carattere, un’icona (lo è in effetti), irrinunciabile per la società dell’apparire che si espone in bacheca su Facebook.
Domanda fatale: “Quanti ‘mi piace’ hai?”

Cortesia, politeness e le regole della netiquette ne giustificano usi e abusi.
Infallibile attestato di popolarità, la figura amplia il proprio spettro di senso allorché è introdotta per segnalare “consenso”, “gentile riscontro”, espressione del favore del gruppo, o di uno.
Una speciale ricevuta di ritorno che suggella amicizie e relazioni.
Un post che non riceva un ‘mi piace’ è come non inviato, non letto, il suo autore, forse, non amato (“Possibile che debba capitare proprio a me?”).
Oppure, il messaggio è andato perduto nel flusso ininterrotto delle notizie/notifiche, e occorrerà, con speranza, ritentare.

Pittogramma che sintetizza significante e significato, l’icona del pollice alzato richiama il più grave e antico gesto della volontà che salva o condanna l’uomo nell’arena. La comunicazione social ne ha fatto, insieme a “Condividi”, il tasto del successo. A fronte della egemonica presenza dell’inglese della rete, speciale prerogativa di questa icona è di leggersi in ogni lingua:
Facebook: il tasto ‘Mi piace’

Il segno realizza, in tal modo, nella corrente società globale, un traguardo auspicato da certi ideali progetti di lingua perfetta, o dell’Eden perduto – pansofia, characteristica, lingua-scrittura universale.
‘Mi piace’: se non ci fosse, bisognerebbe “inventarlo”.

Francesca Chiusaroli (Scritture Brevi)
7 marzo 2013

Francesca Chiusaroli

About Francesca Chiusaroli

Sono nata a Recanati, dove vivo. Mi sono laureata a Macerata, dove oggi insegno linguistica. Tra allora e ora, altre sedi.

3 thoughts on “MI PIACE (Che carattere!)

  1. Margherita Rinaldi
    8 Marzo 2013 at 09:03

    Mi piace e web marketing: http://balduse.wordpress.com/2013/03/06/regalo-10-copie-di-questo-articolo-perche-non-sono-sigillate/ qui c’è una intervista interessante a Cristiano Carriero, esperto in comunicazione

  2. Francesca Chiusaroli
    Francesca Chiusaroli
    18 Marzo 2013 at 15:35

    Da Enrica ricevo un interessante titolo da FB: “In amor vince chi ‘ha visualizzato alle’ e non risponde”. Bello. #scritturebrevi e lingua dei social…

    1. Margherita Rinaldi
      19 Marzo 2013 at 13:05

      Veramente! E’ l’amore ai tempi di Facebook

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.